Exchange ibridi il futuro del trading di criptovalute?

Scambi ibridi, i loro vantaggi e uno sguardo dall’interno al modello di un team di sviluppo.

Per anni la criptovaluta ha continuato a innovare. Non farlo significherebbe considerare il futuro della finanza scolpito nella pietra invece della roccia vulcanica malleabile in continua evoluzione che è.

I primi “mestieri” di criptovaluta erano interamente peer to peer. Quando il bitcoin era l’unica valuta sulla scena e gli scambi di criptovalute non esistevano, l’unico modo per scambiare bitcoin era
comprarli da qualcuno ad un prezzo concordato.

Man mano che la criptosfera è maturata, introducendo nuove valute con nuove applicazioni e quotandole negli scambi, sono emersi due tipi di scambi che hanno messo in ombra tale peer to peer
commerci.

Gli scambi centralizzati sono piattaforme come Binance, in cui ogni operazione non consente a un utente di detenere le chiavi private ma sposta invece le informazioni relative alla proprietà
su un server aziendale. Alcuni vantaggi forniti da questa centralizzazione sono cose come l’accesso ai tradizionali processori di pagamento, enormi quantità di liquidità e stabilità attraverso la supervisione e
regolamento.

Gli scambi come Uniswap o JustSwap sono scambi decentralizzati specifici per blockchain [DEX] che consentono agli sviluppatori di creare concetti finanziari nuovi e diversificati utilizzando la tecnologia blockchain e di negoziare in modo privato completamente decentralizzato, mantenendo direttamente la proprietà dei propri beni. Ogni transazione è sulla blockchain e nessuna autorità centrale regola le negoziazioni. I vantaggi di possedere, in un senso vero e tangibile, la tua criptovaluta è ovviamente più attraente che consentire a un’autorità centrale di detenerla a tuo nome. Ma la mancanza di un’autorità centrale significa che l’uso di processori di pagamento come PayPal e carte di credito non è possibile.

Exchange ibridi il futuro del trading di criptovalute?

Il fondatore e CEO İsmail Köseoğlu, il CTO Uğur Özkan e il fondatore e CFO Mehmet Köseoğlu formano uno dei tanti team che sviluppano ByteDex, uno scambio ibrido e il loro sforzo per sviluppare un progetto nel settore di quello che molti considerano il futuro degli scambi di criptovalute. Scambi ibridi [CDEX] che combinano il meglio di entrambi CEX e DEX.

Trionferanno gli exchange ibridi alla fine molti credono, una sorta di modello ibrido che prende caratteristiche da entrambi. Questo fatto non è perso per coloro che cercano di segnare il loro posto nella cripto
economia.

Le ragioni e la ricerca per implementare soluzioni alle carenze dei due attuali principali modelli di scambio sono piene di evidenti vantaggi, e come tale è diventato un
impresa competitiva. Mentre le caratteristiche chiave proposte come modelli ibridi saranno adottate in modo sensato dalla maggior parte di questi progetti, spicca ciò che farà o romperà un
progetto. Così, la corsa per risolvere un problema si è evoluta in una corsa per innovare insieme, e anche per distinguersi con un approccio unico. Il team ByteDex includerà l’ibrido principale
caratteristiche del modello che generalmente mirano a creare un ecosistema di scambio che combini la liquidità e l’utilità di uno scambio centralizzato, un CEX con quello di uno scambio decentralizzato, un DEX.

ByteDex consentirà acquisti fiat e criptovalute, gli utenti effettueranno transazioni sulla blockchain e manterranno le proprie chiavi private per ogni operazione, pur godendo della flessibilità
offerto dall’integrazione della liquidità fiat e da un’autorità di gestione che collega ByteDex agli scambi centralizzati e allo scambio decentralizzato direttamente con commissioni di negoziazione trascurabili
noto come “gas” entrando in gioco come spese non pianificate.

ByteDex ha anche un token con lo stesso nome e fungerà da token nativo, fornendo agli utenti opzioni di staking, incentivi del programma di premi e una commissione di trading ridotta quando
utilizzando il token ByteDex come coppia di trading.

Il token ByteDex è attualmente in fase di ICO e ha raccolto oltre mezzo milione di dollari in vendite di token, con oltre 50.000 utenti registrati sul loro sito Web prima del lancio di entrambi
il loro lancio e il loro portafoglio di accompagnamento. ByteW.

Exchange ibridi il futuro del trading di criptovalute?

Portafoglio di byte ByteW

Il rilascio del loro Byte Wallet – o ByteW – prima del lancio dello scambio, sarà anche un test della loro competenza, uno di cui il team non è certamente turbato pubblicamente
subendo. Byte Wallet sarà un portafoglio di criptovaluta di prossima generazione che consentirà agli utenti di detenere le proprie chiavi private per le monete su una varietà di blockchain, ma anche di fornire
caratteristiche che sono uniche per ByteDex e che, cosa più importante, lasciano molto spazio per l’espansione delle funzionalità sulla piattaforma. L’evoluzione delle criptovalute sta accelerando a tale ritmo
che qualsiasi progetto senza ambizioni e con molteplici vie in atto per adottare, implementare e sviluppare nuove idee sarà presto una reliquia. Un pezzo vecchio e inadatto della storia delle criptovalute. Dopo
tutto sommato, l’ecosistema delle criptovalute guarda in una direzione: avanti.

Tale portafoglio è una potente aggiunta agli obiettivi dichiarati del progetto, che è quello di creare uno scambio ibrido che combini la liquidità e l’utilità di uno scambio centralizzato, un CEX con
quello di uno scambio decentralizzato, un DEX. Il tutto tenendo conto degli input della community, premiando la partecipazione e la versatilità.

“Byte Wallet registrerà ogni transazione sulla blockchain, non su un server di scambio centralizzato. Anche se avremo un controllo centralizzato sullo scambio, sarà per
facilitare piuttosto che possedere il risultato di una transazione. Le transazioni avvengono sulla blockchain e non sui nostri server”. Dice İsmail Köseoğlu, CEO e fondatore di ByteDex”.

Questa è una funzione di scambio decentralizzata fornita da un’autorità centrale. Certamente un concetto pulito.

“Il nostro piano è quello di creare la nostra blockchain alla fine e mantenere l’aspetto dell’interazione cross-chain”.

Ad oggi, l’ICO di ByteDex ha raccolto oltre mezzo milione di dollari e ha alimentato una comunità che continua a crescere di giorno in giorno. Per saperne di più sul loro progetto e partecipare, visita il loro
sito web. ByteDex.io ha oltre 50 mila membri registrati e fornisce sia un’interfaccia utente di interazione pre-lancio, sia una struttura informativa organizzata
contenente un whitepaper, una tabella di marcia e domande frequenti.

Exchange ibridi il futuro del trading di criptovalute?

Leave a Reply

Your email address will not be published.